Monopoli e i rifiuti dell’ARO BA/8… nuovi guai in arrivo

I quattro comuni dell'ARO BA/8

I quattro comuni che fanno parte dell’ARO BA/8, commissariata dalla Regione Puglia: Monopoli, Polignano a Mare, Mola di Bari e Conversano.

Monopoli ha la quasi certezza di essere fortemente penalizzata dal nuovo Piano Integrato per la raccolta e il trasporto dei Rifiuti Solidi Urbani (RSU). Sia in termini assoluti, in rapporto al costo unitario per ciascun servizio, sia in termini relativi a causa della conseguente sperequazione che si creerà nei confronti degli altri tre comuni dell’ARO BA/8 e che, quasi certamente, si protrarrà per sempre. Se ne è avuta definitiva contezza durante l’incontro che una delegazione di manisporche ha avuto, la scorsa settimana in Regione, con il Commissario Giovanni Campobasso.

Questo problema, però, sembra non interessare nessuno. Non interessa, per mandato, lo stesso Commissario Regionale (nel suo ruolo risponde solo di tempi e procedure) e sembra non interessare, ragionevolmente, i Comuni di Polignano a Mare, Conversano e Mola di Bari (sono anni che, pur tra diversi distinguo, verificano e ottimizzano i costi-benefici del proprio servizio di raccolta, trasporto e smaltimento RSU).

Purtroppo per i cittadini monopolitani tale situazione sembra non interessare – e questa sì è cosa gravissima – neanche il Sindaco, Emilio Romani, e neanche il suo delegato al ramo, Sergio Marasciulo, che si comportano come se fossero totalmente ignari delle proprie responsabilità di amministratori della città di Monopoli (peraltro città capofila dell’ARO BA/8) e  continuano da anni, con l’insolenza delle parole e dei comportamenti, a sospingerci all’indietro sulla questione rifiuti, facendoci precipitare, per costi e quallità del servizio, agli ultimi posti in Puglia. Eppure, questa volta, il Comune di Monopoli aveva in mano tutti gli strumenti per intervenire, proprio attraverso la presidenza dell’ARO. E presto giungerà anche la stangata dell’ecotassa.

Tanto alla fine pagano i cittadini!

 

I commenti sono chiusi.